European Social Network - Homepage

Cerca
Close this search box.

News

stroke copie

Comprendere il ruolo essenziale dei servizi sociali

In Europa è sempre più riconosciuta l’importanza dei servizi sociali per il funzionamento della società, soprattutto durante le crisi. In effetti, durante la pandemia, diversi governi hanno designato alcuni ruoli nei servizi di assistenza e supporto come essenziali per garantire che i lavoratori potessero continuare a svolgere le loro mansioni. La tavola rotonda conclusiva della Conferenza europea sui servizi sociali, che si terrà il 10 giugno, discuterà gli ultimi dibattiti sui concetti rilevanti e sui quadri politici relativi al ruolo essenziale dei servizi sociali.

Nuovo riconoscimento per i ruoli essenziali

I servizi sociali, sanitari e di assistenza facilitano il funzionamento della società in tempi normali e in situazioni di crisi. Durante la pandemia Covid-19 è aumentata la consapevolezza dei ruoli e delle responsabilità di questi servizi. Il loro contributo nel soddisfare le esigenze delle persone in crisi ha aiutato a mantenere la resilienza delle società in un periodo difficile, caratterizzato da alti tassi di infezione e limitazioni dei contatti sociali e delle modalità di lavoro.

Solo pochi Stati membri dell’UE avevano designato ufficialmente i servizi essenziali o le infrastrutture pubbliche chiave prima dello scoppio della pandemia di Covid-19, e i servizi sociali figuravano a malapena. Tuttavia, nel 2020 si sono verificati sviluppi più ampi, quando le società hanno avuto bisogno di assistenza per adattarsi alle limitazioni del movimento fisico e dei contatti. Sono state elaborate liste di lavoratori essenziali, con l’obiettivo di identificare le professioni o le aree di servizio di importanza critica per il funzionamento della società e per affrontare il peso della pandemia. Circa un terzo degli Stati membri ha stilato elenchi ufficiali di quelli che considerano servizi o professioni essenziali, come il KRITIS in Germania; diversi Paesi hanno creato liste e accordi temporanei per tali servizi (attualmente, Eurofound effettua una revisione delle categorizzazioni nazionali dei lavoratori essenziali nell’UE).

Quali concetti e quali servizi pubblici si trovano nelle liste emergenti? – La maggior parte di essi comprendeva le infrastrutture critiche tecniche ed energetiche, i servizi di pubblica utilità e i servizi di soccorso; alcuni hanno specificato le infrastrutture digitali che sono essenziali per il funzionamento di molti servizi pubblici, tra cui la sicurezza sociale e l’assistenza sociale. Oltre alle infrastrutture tecniche e ai servizi di pubblica utilità, sono stati spesso specificati alcuni servizi sanitari, il che è comprensibile in un contesto di crisi sanitaria. Sebbene in alcuni Paesi, come la Danimarca, non esistano elenchi ufficiali per regolamentare sistematicamente i “servizi essenziali”, si applicano comunque concetti come “funzione critica” nel contesto dell’accesso alla salute e della fornitura di cure. Secondo quanto riferito, le autorità locali potrebbero considerare la riabilitazione come una funzione critica, poiché l’assenza di riabilitazione per una persona bisognosa, ad esempio per una persona anziana con una frattura all’anca, può significare che una persona perderà irrimediabilmente una capacità funzionale. Pertanto, il concetto di funzione critica è più ampio rispetto a quello di casi “acuti” o “critici per la vita”. Tuttavia, rimangono alcune sfide intrinseche per cambiare lo status de facto dei servizi sociali e di assistenza da ausiliari a essenziali. A titolo di esempio, si può ricordare che i sistemi sanitari sono stati un ambito di lavoro più attraente per gli infermieri rispetto all’assistenza, e rimane una sfida per far fronte alle carenze di manodopera in quest’ultimo settore.

Oltre ai tentativi di definire lo status di particolari servizi e occupazioni in caso di crisi, i bonus pandemici sono stati utilizzati come segno di riconoscimento del contributo de facto di varie categorie di lavoratori dei servizi. Tali bonus sono stati concordati ed erogati già nella primavera del 2020 in alcuni Paesi e settori (cfr. COVID-19 Osservatorio politico dell’UE ), ma si sono rivelati tardivi in altri (come l’Irlanda).

Innovazione organizzativa in ritardo

Attualmente, molti servizi pubblici sono alla ricerca di modi per posizionarsi nei discorsi politici emergenti – cercando di essere riconosciuti come servizi essenziali, partecipando alla trasformazione digitale e sostenendo le persone con cui lavorano a far parte della transizione verde.

Servizi sociali più forti e tecnologicamente supportati saranno essenziali per far progredire l’Europa sociale in una serie di modi che vanno oltre la gestione diretta del welfare. I servizi sociali hanno un ruolo da svolgere nell’assistere vari gruppi nell’accesso ai principali servizi pubblici, che nel21° secolo includono le comunicazioni digitali. I servizi essenziali elencati nel Principio 20 del Pilastro europeo dei diritti sociali (comunicazioni digitali, servizi finanziari, servizi energetici, trasporti pubblici, acqua e servizi igienici) sono già altamente digitalizzati, come ad esempio i sistemi di biglietteria dei trasporti pubblici o le modalità di utilizzo dei servizi finanziari. Inoltre, la crescente digitalizzazione dei servizi amministrativi, anche in relazione alla sicurezza sociale e alle prestazioni, rappresenta una sfida per i loro utenti, che devono rimanere aggiornati e sufficientemente qualificati per utilizzare i canali efficaci per soddisfare le loro esigenze e ricevere assistenza. Attualmente si stanno elaborando schemi per indirizzare i clienti verso l’assistenza, la formazione o il sostegno tra pari. Ad esempio, in Francia dal 2021, Gli aiutanti si collegano la piattaforma consente di conferire un mandato temporaneo a professionisti autorizzati per espletare formalità per conto di persone prive di competenze digitali (ad esempio, compilare moduli per i servizi amministrativi o l’assistenza sociale). Tuttavia, il solo potenziamento delle infrastrutture digitali e delle attrezzature tecniche non ha permesso di affrontare pienamente le sfide dei servizi sociali durante la pandemia. L’innovazione organizzativa è necessaria anche, ad esempio, per includere efficacemente il personale dei servizi sociali nella formazione e per migliorare i programmi per ricevere il sostegno dei volontari ai servizi essenziali in tempi di crisi, come l’assistenza alle persone con esigenze di cura durante la pandemia o l’organizzazione dell’arrivo e dell’insediamento dei rifugiati ucraini.

Un impegno per l’equità

Le attuali sfide alla fornitura e ai costi vertiginosi dell’energia aggiungono un’altra dimensione alla valutazione delle vulnerabilità e delle fonti di resilienza nell’UE. L’UE si è impegnata a rendere la transizione verde socialmente equa, per cui sono state evidenziate le ristrutturazioni regionali e l’assistenza per la riqualificazione dei lavoratori interessati. A più lungo termine, c’è anche la possibilità di riconsiderare il modo in cui vengono forniti i servizi pubblici, come i trasporti e l’energia, in modo che contribuiscano a ridurre la dipendenza energetica e a consentire alle persone con redditi più bassi o con necessità di assistenza di condurre una vita dignitosa. A breve termine, tuttavia, gli operatori che forniscono assistenza sociale dovranno probabilmente aiutare i loro gruppi target ad affrontare i rischi di arretrati e di indebitamento. La Commissione europea dovrebbe presentare una relazione sull’accesso ai servizi essenziali nell’autunno del 2022: potrebbe richiamare l’attenzione sulle barriere e sulle politiche esistenti per assistere i gruppi vulnerabili nell’accesso ai servizi elencati nel principio 20 dell’EPSR. un tema su cui Eurofound sta preparando un documento di lavoroanche.

Maggiore visibilità per i servizi sociali

La pandemia e la necessità di pianificare bene la ripresa hanno dato maggiore visibilità al settore dei servizi sociali. Come nuovo sviluppo, è ora in programma la creazione di opportunità di dialogo sociale per questo settore a livello europeo. Attualmente esistono 43 comitati europei di dialogo sociale settoriale che riuniscono le parti sociali degli Stati membri dell’UE. Il settore dei servizi sociali non è stato finora tra questi, anche se alcune attività potrebbero avere la possibilità di incanalare la loro voce attraverso altre organizzazioni settoriali. In ogni caso, il dialogo tra le parti sociali in tutta l’UE e l’impegno nel dibattito a livello europeo sono un elemento importante per il successo della ripresa post-pandemia. Inoltre, è uno strumento essenziale per trovare modi ottimali per affrontare le sfide di lunga data per il settore dei servizi sociali, come il miglioramento delle condizioni di lavoro, la garanzia di una maggiore qualificazione e la modernizzazione dell’erogazione dei servizi. Potenzialmente, si tratta anche di un forum che può contribuire a dettagliare e a rifornire di risorse le funzioni essenziali del settore dei servizi sociali.

Risorse:

Dubois H. (2022), La prossima strategia europea per l’assistenza deve guardare al futuro.
Eurofound (2022), COVID-19 Osservatorio politico dell’UE database
Eurofound (2021), Panorama delle relazioni industriali in Europa: Amministrazione centrale, istruzione, sanità, amministrazioni locali e regionali e servizi sociali.
Molinuevo D. (2020), È giunto il momento di trasformare i servizi sociali in modo digitale.